logo

Antonio Maria Ligresti (Catania, 1970), è docente di “Diritto ed Economia delle
Arti e dello Spettacolo” presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino.
Dal 2002 al 2021 è docente, a contratto, di “Legislazione dei Beni Culturali” e
di “Diritto dell’Informazione e della Comunicazione Digitale” presso
l’Accademia di Belle Arti di Catania.
Le linee di ricerca sono orientate, attraverso un approccio interdisciplinare
coniugando metodologie diverse, verso il tema dello sviluppo locale, del ruolo
della Pubblica Amministrazione nei processi di sviluppo socioeconomico di
micro e macro area, dedicando una costante e particolare attenzione al
patrimonio culturale materiale e immateriale, alla tutela, gestione e
valorizzazione della filiera dei beni culturali ed all’immaterialità e
digitalizzazione dei beni storico-artistici.

Incarichi professionali
Nel 2000 costituisce, insieme ad altri professionisti, “Achea S.r.l.”, con cui
svolge fino al 2005 attività di consulenza ad EE.LL. ed aziende per la
progettazione, a valere su bandi comunitari, nazionali e regionali, di azioni di
intervento pubblico per lo sviluppo locale e sovralocale.
Dal 2000 al 2005 svolge attività di consulenza specialistica, sia per EE.LL. sia
per aziende private, come esperto: per attività di sensibilizzazione nel territorio
degli stakeholders interessati alla formazione continua; analisi del mercato del
lavoro in ambito provinciale; sperimentazione di nuovi strumenti e
metodologie per l’individuazione dei fabbisogni formativi per le imprese; per
la programmazione di azioni di intervento pubblico, con particolare
riferimento allo sviluppo socioeconomico del territorio e l’incremento dei
rapporti con l’Unione Europea; per l’analisi del contesto socioeconomico locale
e regionale e creazione del partenariato transnazionale.
Dal 2005 al 2011 presta servizio presso la Provincia Regionale di Catania in
qualità di Dirigente, prima come Direttore del Servizio ‘Patrimonio’ e, poi, del
Servizio ‘Politiche Attive del Lavoro e Formazione Professionale’.
Dal 2015 svolge attività come consulente tecnico e perito, presso il Tribunale di
Catania, in qualità di esperto in “Antichità ed oggetti d’arte”.
Iscritto dal marzo 2018 nell’Elenco nazionale “Organismi Indipendenti di
Valutazione” (Fascia professionale 2°), di cui al D.M. 02/12/2016, presso il
Dipartimento della Funzione Pubblica, ha fatto parte del Nucleo di
Valutazione di comuni della provincia etnea.

Pubblicazioni
Monografie:
– “Della tutela giuridica dei beni musicali” (IN CORSO DI STAMPA);
– “Della tutela del paesaggio. Strumenti e normativa”, Editoriale Scientifica,
Napoli, 2020;
– “Il diritto all’informazione. La trasparenza amministrativa”, Editoriale
Scientifica, Napoli, 2019.
Contributi in volume:
– “Della conservazione del patrimonio culturale”, Bonanno Editore, Acireale-
Roma, 2013;
– Del patrimonio culturale”, edito da Bonanno, Acireale-Roma, 2009;
– “L’interesse culturale del patrimonio mobiliare ed immobiliare. Normativa e
strumenti”, C.U.E.C.M., Catania, 2007;
– “Recupero e tutela dei beni culturali materiali e immateriali. Vecchi e nuovi
strumenti”, Massimo Lombardo Editore, Agrigento, 2006.
Curatele:
– “La città senza tempo. L’area monumentale del cimitero di Catania”, Aracne
Editrice, Roma, 2006.
Articoli in rivista:
– “Le politiche pubbliche del P.N.R.R. per la coesione sociale”
(www.diritto.it)
– “Sui musei al tempo del Covid-19. A rischio di deaccessioning le collezioni
permanenti” (www.filodiritto.com)
– “Sulla scuola italiana nell’anno del covid-19: la vecchia signora si rifa’ il trucco”
(www.diritto.it)
– “Referendum 2020: cronaca di una morte annunciata della democrazia
parlamentare” (www.diritto.it)
– “Nascita dell’ordinamento regionale al tempo del Covid” (www.diritto.it).

Titoli accademici
Nel 2020 consegue il Master I Livello (60 CFU) in “Scienze Storico Filosofiche”,
presso l’Università degli Studi di Reggio Calabria “Dante Alighieri”,
discutendo la tesi finale in “Storia dell’Europa Contemporanea”, dal titolo “La
nascita della Repubblica italiana”.
Nel 2018 consegue la Laurea Magistrale (LM/84 – 120 CFU) in “Storia e Cultura
dei Paesi Mediterranei” presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali
dell’Università degli Studi di Catania, discutendo la tesi di laurea in “Storia
Contemporanea”, dal titolo “L’Ecomuseo di Petra d’Asgotto: risorsa per il territorio”,
relatore il prof. Rosario Mangiameli.
Nel 2014 consegue l’abilitazione in “Discipline Giuridico Economiche” (P.A.S.
– 60 CFU) presso il Dipartimento di Economia e Impresa dell’Università degli
Studi di Catania, discutendo la tesi finale in “Diritto Costituzionale”, dal titolo:
“Le regole della Rete”, relatrice la prof.ssa Ida Nicotra.
Nell 2012 consegue il Master Universitario di II Livello (60 CFU) in
“Management Pubblico dello Sviluppo Locale” presso la Facoltà di Scienze
Politiche dell’Università degli Studi di Catania, discutendo la tesi finale in
“Scienza dell’Amministrazione”, dal titolo: “La Riforma Brunetta tra innovazione ed
implementazione”, relatore il prof. Renato D’Amico.
Nel 2007 consegue il titolo di specializzazione post laurea (20 CFU) in
“Sviluppo locale, governo del territorio e gestione dei fondi strutturali”, presso
la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Catania, col
coordinamento scientifico del prof. Pietro Barcellona.
Nel 2006 consegue il titolo di specializzazione post laurea (20 CFU) in
“Dirigenza Pubblica” presso la Scuola Superiore per la Formazione
d’Eccellenza dell’Università degli Studi di Catania, discutendo la tesi finale in
“Diritto Pubblico”, dal titolo: “La valorizzazione del patrimonio immobiliare
pubblico. Lo spin off immobiliare”, relatore il prof. Carmelo Romeo.
Nel 2004 consegue il Master Universitario Europeo di II Livello (60 CFU) in
“Storia ed Analisi del Territorio” presso la Scuola Superiore per la Formazione
d’Eccellenza dell’Università degli Studi di Catania, discutendo la tesi finale in
“Legislazione dei beni culturali”, dal titolo: “Il Portale territoriale del Val di Noto”,
col coordinamento scientifico dei proff.ri Giuseppe Giarrizzo, Maurice
Aymard, Enrico Iachello e dell’arch. Giancarlo De Carlo.
Dopo aver conseguito il Diploma di Maturità Classica presso il Ginnasio Liceo
Statale “Mario Cutelli” di Catania, consegue il Diploma di Laurea in “Scienze
Politiche” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di
Catania, discutendo la tesi di laurea in “Sociologia Economica”, dal titolo: “Nuovi
strumenti di intervento pubblico per lo sviluppo locale: i Patti Territoriali”, relatrice
la prof.ssa Rita Palidda.
Altra formazione
Nel 2021 consegue il titolo di perfezionamento in “L’O.I.V. e il sistema di
valutazione” (acquisizione di 40 crediti formativi, ai sensi del D.M. 6 agosto
2020) presso l’A.N.C.R.E.L. (Associazione Nazionale Certificatori e Revisori
degli Enti Locali), sezione Campania.
Nel 2006 consegue il titolo di Alta Formazione in “Local Authorities in European
Networking” presso il Centro UniSiPA dell’Università degli Studi di Siena, in
collaborazione col FormezPA ed il Dipartimento della Funzione Pubblica.
Nel 2001 consegue il titolo di perfezionamento post laurea in “Gestione e
Direzione aziendale” presso l’Istituto Superiore per Imprenditori e Dirigenti
d’Azienda (I.S.I.D.A.), sede di Catania.
Altre notizie
Nel 2017 ha fondato insieme ad altri Colleghi, e dal 2019 presiede,
l’«Osservatorio sulle Pubbliche Amministrazioni» (www.osservatorioppaa.it).
Dal 2015 è socio del Rotary Club Catania Ovest – Distretto 2110.
Inserito nella Rosa di esperti per il conferimento degli incarichi di membro nei
Consigli di Amministrazione delle istituzioni AFAM-MUR, giusto D.M. del 6
ottobre 2014 n. 178, pubblicato sul sito web del MIUR in data 11/10/2014.
Inserito nell’Elenco dei soggetti idonei alla nomina a direttore generale degli
istituti di ricovero e cura a carattere scientifico non trasformati in fondazione
del Servizio Sanitario della Regione Sicilia, giusto D.A. Regione Sicilia n.
965/14, pubblicato sulla GURS del 26/09/2014 – Serie Speciale Concorsi n. 9
(pag. 10).
Iscritto, dall’ottobre 2014, al Ruolo Periti ed Esperti (num. 467) – Categoria:
“Antichità ed Oggetti d’Arte”, presso la Camera di Commercio, Industria,
Artigianato ed Agricoltura di Catania.
Inserito nell’Elenco candidati idonei alla nomina a direttore generale delle
aziende sanitarie provinciali, ospedaliere ed ospedaliere-universitarie della
Regione Sicilia, giusto D.A. Regionale alla Salute del 18 gennaio 2012,
pubblicato sulla GURS del 10/02/2012 – PARTE I – n. 6 (pag. 65).

×