logo

Laura Ricca è stata professore a contratto di Iconografia e Iconologia presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin”, Alma Mater Studiorum Università di Bologna (2018-2020), e assegnista di ricerca in Estetica nella stessa università (2011-2018), presso la Facoltà di Lettere e Filosofia, sezione di Orientalistica; in seguito presso la Facoltà di Storia, Culture e Civiltà; infine presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione, Scuola di Psicologia e Formazione, “Giovanni Maria Bertin”. Le sue ricerche hanno come oggetto le idee dell’arte e della cultura estetica in una prospettiva comparata.

Ha conseguito le seguenti abilitazioni a professore di seconda fascia in due diversi SSD:

  • Abilitazione a professore di seconda fascia in Estetica e Filosofia dei Linguaggi (SETTORE CONCORSUALE 11/C4). 
  • Abilitazione a professore di seconda fascia in Culture dell’Asia Centrale e Orientale (SETTORE CONCORSUALE 10/N3). 

È stata inoltre Lettrice di Italiano (Lecturer) in Giappone, presso l’Università del Tohoku di Sendai, Facoltà di Lettere, Dipartimento di Storia dell’Arte Occidentale, e in seguito Research Fellow in Estetica nello stesso dipartimento (2003-2009). È stata coordinatrice del Comitato scientifico Scientifico Culturale di parte italiana, incaricato dall’Agency for Cultural Affairs, Government of Japan, con il sostegno dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della mostra “Capolavori della scultura buddhista giapponese” (Roma, Scuderie del Quirinale, 29 luglio – 4 settembre 2016), la prima mostra in Italia a riunire i capolavori della scultura buddhista giapponese in occasione del 150˚ anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia.

Con Carocci ha pubblicato alcune monografie sulle idee dell’arte e sui temi dell’estetica comparata, tra cui  Le vie della bellezza tra Occidente e Oriente. Percorsi di estetica comparata (2020).

È autrice di saggi e articoli apparsi su riviste, quali “estetica. studi e ricerche”, “Studi di Estetica”, “Parol”. Ha curato Atti di convegni nazionali e internazionali e, tra i volumi antologici, Conversazioni naturali che contiene il saggio introduttivo Sulla natura e la poesia (Quaderni di psicoart, 2018).

×