• aba_urbino 17 Maggio 2024 | L'immagine contemporanea tra Agency e inconscio tecnologico Workshop con Giulio Saverio ...
  • aba_urbino 14 Maggio 2024 | La cultura della formazione, la professione della cultura grazie ad alcuni scatti* ...
  • aba_urbino 13 Maggio 2024 | CRONACHE DAL GIORNALE DEI PAZZI Stasera vi aspettiamo per l’anniversario della legge 180 alle ...
  • aba_urbino 10 Maggio 2024 | Alcuni momenti dell'incontro e workshop di ieri "L'arte di scoprire l'arte" con Silvia ...
  • aba_urbino 07 Maggio 2024 | La cultura della formazione, la professione della cultura con Andrea Cancellato Lunedì 13 ...
  • aba_urbino 06 Maggio 2024 | Alcuni scatti dell'incontro di oggi con Sara Piccinini, direttrice della Collezione ...
  • aba_urbino 06 Maggio 2024 | CONNECT. - IMMAGINE lunedì 13 maggio / conferenza aperta a tutti 14:30 - 17:30 AULA ...
  • aba_urbino 05 Maggio 2024 | Alcuni scatti della giornata di oggi "Festa per Volponi" nell’ambito di Urbino e le città del ...
  • aba_urbino 05 Maggio 2024 | Alcuni scatti di venerdì sera al Teatro Raffaello Sanzio di Urbino "Le Mosche del ...
  • aba_urbino 03 Maggio 2024 | "Di Paolo Volponi è stata affrontata dall'Accademia di Belle Arti la sua scrittura teatrale ...
  • aba_urbino 02 Maggio 2024 | Conferenza con Sara Piccinini, direttrice della Collezione Maramotti Lunedì 6 maggio 2024, ore ...
  • aba_urbino 02 Maggio 2024 | L’arte di scoprire l’Arte Tra espressione e comunicazione con l’Arte Terapia Pratica e ...
  • aba_urbino 30 Aprile 2024 | Alcuni scatti del workshop "Ghostwriting Paul Thek. Time Capsules and Reliquaries" tenuto ...
  • aba_urbino 29 Aprile 2024 | 📸 Alcuni scatti della visita al MIC, alla mostra su Gio Ponti e alla Manifattura Gatti del ...
  • aba_urbino 29 Aprile 2024 | *Aggiornamento 30/04/2024* Le letture volponiane saranno a cura di Giuseppe ...
  • aba_urbino 26 Aprile 2024 | Le Mosche del Capitale Venerdì 3 maggio 2024 Teatro Raffaello Sanzio Urbino ore 21.00 Lettura ...
  • aba_urbino 25 Aprile 2024 | Consigli ai giovani sul 25 aprile – Il direttore Mentre la memoria storica si assottiglia ...
  • aba_urbino 24 Aprile 2024 | Ghostwriting Paul Thek. Time Capsules and Reliquaries workshop con l'artista Alessandro Di ...
  • aba_urbino 23 Aprile 2024 | Grazie! Ci avete seguito in tantissimi! Per chi invece si fosse perso l'openlive di quest'anno ...
  • aba_urbino 23 Aprile 2024 | Grazie! Ci avete seguito in tantissimi! Per chi invece si fosse perso l'openlive di quest'anno ...
  • aba_urbino 22 Aprile 2024 | DOMANI ritorna OPEN Live! Seguici in diretta su youtube e zoom per scoprire virtualmente la ...
  • aba_urbino 19 Aprile 2024 | L'Accademia di Belle Arti di Urbino è lieta di annunciare l'evento conclusivo e condiviso del ...
  • aba_urbino 18 Aprile 2024 | Alcuni scatti dell'inaugurazione della mostra "Un quadro che non c'è" La mostra è visitabile ...
  • aba_urbino 17 Aprile 2024 | Workshop "Cantieri Schramm" 16/04/2024 Il primo giorno di lavori si è concluso, si riparte con ...
  • aba_urbino 16 Aprile 2024 | "Un quadro che non c'è" è la mostra conclusiva del workshop curato da Adam Rokowski "A painting ...
15.04.2024

Desidero comporre anche io qualche riga di commiato e di cordoglio per la morte di Grazia Marchianò, filosofa orientalista ed estetologa, curatrice dell’opera omnia (Marsilio) di Elémire Zolla che è stato suo marito. Desidero comporle sia come amico sia come direttore dell’Accademia di Belle Arti di Urbino. Grazia è stata familiare, ed anche affezionata, all’Accademia di Belle Arti negli anni in cui sono stato professore di Estetica.

 

Era davvero una maestra (anche se uno dei più alti moniti di uno dei più grandi testi mai composti al mondo esorta a non chiamare “maestro” nessuno e a considerare “fratelli” tutti ) di sapienza interculturale, occidentale-orientale. Disseminata nella sua opera di studiosa, di traduttrice, ed infine, di curatrice delle opere di Zolla, è una moltitudine di spore luminose e di perle di verità. Personalmente affascinato, prima come studioso (poi anche come amico), dalla sua vasta conoscenza, ho desiderato offrire ai miei studenti di allora due incontri con Grazia Marchianò, in tempi diversi, entrambi sui significati dell’azione creativa nella filosofia estremorientale, e sulla via della conoscenza che a essa porta dal punto di vista comparativo e degli “orienti del pensiero”, come lei diceva.

 

Grazia aveva il dono della narrativa nelle parole, ma anche della dialettica e della logica ferree quali sono richieste da un pensiero come quello estremorientale, buddista e zen, o come quello della filosofia di Hegel e dell’Idealismo tedesco. Grazia era bella, in un senso non scontato del termine: esercitava un fascino particolarssimo, carismatico, misto di alterità e compassione; i suoi occhi attivissimi, forti, partecipi, erano immedesimati e fluttuanti nella concretezza umana e nell’altrove. 

 

“Dove il cielo sia non domandare, esci da te stesso, /Altrimenti, dove sei, ti sarà ostile e distante il cielo”, recita il distico di un autore caro a lei e a Elémire Zolla. Donna saldissima e ‘ascetica’, come ha scritto Silvia Ronchey su “Repubblica”, capace di pensieri e moti d’affetto generosi verso gli ultimi amici incontrati nel cammino dell’esistere, come ero io, la Marchianò è stata una personalità che ha aperto brecce teoretiche e spirituali inimmaginabili, insegnando il gusto delle tradizioni che consuonano nelle pulsioni dell’anima universale.

 

Le lezioni che offrì agli studenti del mio corso di Estetica destarono entusiasmo, e suscitarono anche commozione nei più sensibili. Le facemmo a Palazzo Odasi quando non era ancora sede del Corso di Nuove Tecnologie dell’Arte, ma era sede della Casa della Poesia. Ricordo gli studenti assembrati e ammonticchiati, seduti per terra anche, dentro i piccoli spazi o nella grande aula sotterranea. Ed anche loro rammenteranno (se qualcuno di essi avrà occasione di leggere questo mio ricordo personale), l’emozione e la risonanza del suo Logos nell’intera nostra persona senziente, non solo nella ragione. Ma ora non voglio immobilizzarla nel sentimento di un carattere del passato, ma liberarla secondo la spiritualità che ha osservato come modello sovrano di vita e non solo di vita estetica. Tale spiritualità era da Zolla così definita: essa predica “L’affrancamento dalla fascinazione delle novità [...] insegna a non farsi né ipnotizzare né turbare ma anzi a tenere lo sguardo al valore massimo: la qualità spirituale della vita, breve o prolungata che possa essere”.

 

Luca Cesari

 

Vedi anche
×