• aba_urbino 18 Giugno 2024 | Posted @withregram • @nta_urbino L’opera "Qui, non lì", realizzata Alessia Sommavilla, ex ...
  • aba_urbino 17 Giugno 2024 | Gli studenti dell'Accademia al Mercoledì 19 dalle 16.00 verrà proiettato al Teatro Sperimentale ...
  • aba_urbino 14 Giugno 2024 | Seminario con l'Arch. Stefano Brachetti "La gestione amministrativa degli istituti e luoghi di ...
  • aba_urbino 13 Giugno 2024 | Alcuni scatti del workshop con Giulio Rossi "L'immagine contemporanea tra Agency e inconscio ...
  • aba_urbino 12 Giugno 2024 | Alcuni scatti dell'incontro "Cancel culture vs. patrimonio culturale" con la Prof.ssa Federica ...
  • aba_urbino 11 Giugno 2024 | PENSARE CON LE MANI Mostra degli studenti del biennio di Decorazione e Pittura a cura di Beppe ...
  • aba_urbino 11 Giugno 2024 | ALLESTIRE IL CORRIDOIO 2024 Mostra degli allievi della Scuola di Pittura triennio (I e II ...
  • aba_urbino 10 Giugno 2024 | Accademia di Belle Arti di Urbino Comune di Fano - Assessorato al Patrimonio MANIFEST! ...
  • aba_urbino 10 Giugno 2024 | PENSARE CON LE MANI Mostra degli studenti del biennio di Decorazione e Pittura a cura di Beppe ...
  • aba_urbino 08 Giugno 2024 | La passione di Paolo Volponi per l'arte in una mostra Inaugurata "Figure per un romanzo" PAOLO ...
  • aba_urbino 06 Giugno 2024 | Mercoledì 12 giugno ore 9.30, Aula magna Seminario con l'Arch. Stefano Brachetti Funzionario ...
  • aba_urbino 05 Giugno 2024 | Giardini di Resistenza Nel contesto de "La notte degli archivi" sul tema delle passioni OPERE ...
  • aba_urbino 04 Giugno 2024 | Dal privato al pubblico con Eva Fabbris, Direttrice del Museo Madre di Napoli a cura del prof. ...
  • aba_urbino 03 Giugno 2024 | Alcuni scatti dell'incontro di oggi con Diego Perrone, a cura del prof. Simone Berti Foto a ...
  • aba_urbino 30 Maggio 2024 | Figure per un romanzo PAOLO VOLPONI E LE ARTI Opere dal 500 al 900 della collezione privata a ...
  • aba_urbino 30 Maggio 2024 | Cancel culture vs. patrimonio culturale Con la Prof.ssa Federica Facchini, la Prof.ssa Federica ...
  • aba_urbino 28 Maggio 2024 | Dal privato al pubblico con Eva Fabbris 4 giugno 2024 ore 10.00 Aula Magna L'esperienza di ...
  • aba_urbino 27 Maggio 2024 | Lunedì 3 giugno 2024 alle ore 10.00 in Aula magna conferenza con Diego Perrone. Il percorso ...
  • aba_urbino 25 Maggio 2024 | Grazie Maestro! 🥇A Marco Bellocchio il Sigillo delle Arti 2024 e il titolo di Accademico ...
  • aba_urbino 23 Maggio 2024 | L'immagine contemporanea tra Agency e inconscio tecnologico Workshop con Giulio Saverio Rossi A ...
  • aba_urbino 22 Maggio 2024 | Lacrime di Ra Azione performativa degli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Urbino a cura ...
  • aba_urbino 21 Maggio 2024 | MARCO BELLOCCHIO, regista e scrittore, sarà insignito del titolo di Accademico d’onore ...
  • aba_urbino 20 Maggio 2024 | Alcuni scatti dell'incontro di lunedì scorso "Connect. - Immagine" con Clio Casadei, curato ...
  • aba_urbino 14 Maggio 2024 | La cultura della formazione, la professione della cultura grazie ad alcuni scatti* ...
  • aba_urbino 13 Maggio 2024 | CRONACHE DAL GIORNALE DEI PAZZI Stasera vi aspettiamo per l’anniversario della legge 180 alle ...

Le Mosche del Capitale
Venerdì 3 maggio 2024
Teatro Raffaello Sanzio Urbino
ore 21.00


Lettura teatrale e musicale del testo di Paolo Volponi
Mise en espace, drammaturgia e produzione a cura della Scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Urbino, ideata da Massimo Puliani


con Neri Marcoré


e con il Gagliano String Quartet
che eseguirà una selezione dal Don Giovanni di W. A. Mozart

Carlo Dumont, violino
Sergio Carnevale, violino
Paolo Di Lorenzo, viola
Manuela Albano, violoncello


Partecipano:
Marco Florio


e gli studenti: Emma Bassetti, Aurora Bulla, Margherita Congiu, Sofia Di Rosolini, Maria
Pia Giandomenico, Kangning Li, Laura Malerba, Jacopo Morellato, Susanna Musco,
Micaela Nasuti, Teresa Petrillo, Isabella Vicini, Victor Letemplier


Luci e audio
Annalisa Carrara, Danilo Coppola, Lisa Leone, Matilde Orsini


Immagini
Annalisa Carrara, Margherita Congiu, Giorgia Ionica, Laura Malerba, Susanna Musco, Isabella Vicini


Con la collaborazione dei docenti della Scuola di Scenografia

organizzazione Accademia di Belle Arti in collaborazione con Opera Coop. Onlus


Nell’ambito del Festival Urbino e le città del libro


Ingresso libero sino a esaurimento posti

"Ne Le mosche del capitale, pubblicato nel 1989, ma iniziato a scrivere negli anni Settanta, il mondo della fabbrica è visto da Paolo Volponi con gli occhi di un giovane dirigente, Bruto Saraccini (che potrebbe essere l’autore stesso), pieno di sogni di innovazione e di cambiamento, che alla fine rinuncia a quella esperienza. Anche l’azienda nella quale lavora è allegoricamente l’Olivetti, assurta a parabola di una delle fabbriche della grande industria italiana, che vantava 70 mila dipendenti ed è stata chiusa nel 2012 (chi non ricorda la leggendaria macchina da scrivere Lettera 32 e i primi calcolatori, progenitori dei computer). Saraccini, il protagonista del romanzo, nell’incontro con Nasàpeti, il presidente dell’azienda, parlando di capitalismo fa un’analogia del rapporto che Mozart aveva con suo padre. Ritiene che una società moderna possa essere umanistica e funzionare in modo organico, ma si scontra sia con la motivazione del profitto che con la natura umana, che include guerre per il territorio e lotte per il potere. Per Saraccini il funzionamento dell’azienda è come il comportamento del padre di Mozart, considerato come quei “promotori organizzatori persecutori e consolatori, con la stessa presunzione di guidare e proteggere, di scegliere e d’insegnare, di decidere cosa è bene e cosa è male”. Ne Le mosche del capitale, la decadenza morale del capitalismo italiano viene raccontata attraverso i cambiamenti di persone e procedure avvenuti in Olivetti dopo la scomparsa di Adriano; una realtà che Paolo Volponi conosceva bene, avendoci appunto lavorato con ruoli importanti. Una realtà verso cui il giudizio di condanna è chiarissimo e uniforme, mentre i toni di questa condanna cambiano continuamente, passando dal sarcastico al malinconico e viceversa (Massimo Raffaeli). La mise en espace e la drammaturgia a cura della Scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Urbino, che annualmente propone performance teatrali di particolare impatto visivo, vuol cogliere sia la contestualità dell’ambiente quasi onirico in cui si svolge il dialogo fra i protagonisti volponiani, sia il clima politico e sociale del racconto, su cui si riflettono gli echi e i sussulti dei manifestanti degli anni Settanta e le condizioni di vita dei lavoratori nelle fabbriche."


Massimo Puliani, Presidente della Scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Urbino

 

Vedi anche
×