demetrio e polibio spacer

Ottocento Novecento Millecinquecento scatole d’argento fine settecento ti regalerò

13 maggio 2010 | Scuola di Scenografia

Abbiamo incominciato a costruire il 5 Aprile, oggi è il 13 maggio: in fondo sono solo 6 settimane.
Un tempo denso come la nebbia del Polesine in cui quasi non ti accorgi delle proporzioni e dello spazio. Del tempo, appunto. L’ultimo oggetto da comporre è il più complesso. Certo ci arriviamo un attimo affaticati ma sicura­mente è possibile attingere e far conto sull’esperienza acquisita in questo mese di lavoro. Quando abbiamo progettato questo elemento ci siamo immediatamente resi conto delle proporzioni e diffi­coltà implicite, non volevamo aggredirlo all’inizio per paura di incorrere in errori che avrebbero consumato tempo e materiale con inevitabili derive di malumore. Un carro isola che contiene una montagna di bauli. Ricorda per analogia geografica teatral – brechtiana il Monte Hatelma, cima artificiale che il Signor Puntila, rinsavito grazie a una massiccia dose di acquavite, si inventa facendo accatastare gli armadi della sua biblioteca dal suo servo Matti. L’aula e gli studenti che vi lavorano, provati da tanta metallurgia, resasi necessaria per la base che fissa le ruote, ora riconoscono l’odore e la morbidezza del legno che riveste le parti in ferro. Un lavoro di precisione meticoloso e, relativamente agli strumenti in nostro possesso, discretamente faticoso. Metro, colla, vinavil, avvitatori e sparachiodi. Un groviera di cunicoli, un labirinto di sportelli, strumento per apparizioni e sparizioni più o meno prevedibili. Ogni cunicolo una struttura portante che costituisce lo scheletro e che rende praticabile in ogni piano questa macchina di bauli.

 

modellino carro isola

 

Rispetto al progetto abbiamo addolcito qualche passaggio, che nel modellino sembrava verosimile mentre in realtà obbligava ogni transito ad una vera prova di forza, aggiungendo dei gradini che semplificassero l’accesso alla struttura.
Esiste un progetto di questo carro molto dettagliato ed ogni modifica si trasmette agli altri pezzi che si collegano ad esso provocando una messa in misura di tanti pezzi pre – tagliati che compongono l’insieme.

 

costruzione carro

Lascia un Commento