demetrio e polibio spacer

Report 1 dicembre 2009

10 dicembre 2009 | Etica della Comunicazione
Incontro con il regista Davide Livermore

Incontro con il regista Davide Livermore

Il 30 novembre ed il 1 dicembre 2009 gli allievi di scenografia si sono incontrati con il regista Davide Livermore per visionare gli elaborati scaturiti dai primi incontri di novembre.
I primi ad esporre il proprio lavoro sono stati gli studenti del gruppo costumi che hanno illustrato la ricerca effettuata relativa alle immagini e ai costumi di origine persiana, agli stilisti e ai fumetti afferenti. Hanno inoltre cercato di indagare sull’effettiva strada da seguire nei prossimi giorni per la progettazione dei costumi ispirati al film Dune di David Lynch e allo “stile impero”.
Il gruppo scenografia, invece, ha prima di tutto illustrato le tre ipotesi di “scatola nera” e, a seguire, i bozzetti relativi al primo atto dell’opera Demetrio e Polibio di Rossini. Una volta presa visione degli elaborati, un elemento ha colpito in particolar modo il regista, un neon circolare dal diametro di 4 metri: luogo deputato che può avere un dentro e un fuori.
Il regista Davide Livermore ha inoltre ripercorso drammaturgicamente tutta l’opera.

Dall’incontro sono emersi questi problemi:

Di riuscire a organizzare delle proposte coerenti che  mettano a fuoco non un particolare punto dello spettacolo ma che assolvano all’intero piano drammaturgico che sta uscendo dalla lettura e dallo studio dello spettacolo.
Il lavoro così come è impostato lavora su diversi piani.

Un primo piano è fisico e oggettivo.
La proposta del regista di connotare il personaggio di  Polibio attraverso una malattia, un impedimento deambulatorio risulta molto interessante.
La figura paterna che non partecipa nell’agito drammaturgico, ma spedisce in prima linea la figlia trova quindi una sua giustificazione oggettiva.
Questa proposta diventa quindi un costume oggetto un bozzolo che rende diversamente abile il personaggio.

Un secondo piano è affidato a delle proiezioni che attraverso degli elementi grafici ricompone la storie come in un immaginario fumetto dell’800.
La relazione e la reciprocità e l’interazione di questi due piani è il principale lavoro che risulta non svolto.

 

Elaborati visionati durante l’incontro

Sinfonia

Sinfonia

 

ATTO I: Scena I

ATTO I: Scena I

 

ATTO I: Scena II

ATTO I: Scena II

 

ATTO I: Scena III

ATTO I: Scena III

 

ATTO II: Scena II

ATTO II: Scena II

 

ATTO II: Scena III

ATTO II: Scena III

Lascia un Commento