accademia di belle arti di urbino arte scuola università accademia corsi formazione alta

Archivio di giugno 2011

Premio Pittura Inail
scadenza 31 agosto 2011

giovedì, 30 giugno 2011

L’INAIL, Istituto Nazionale per l’ Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, oltre ad assicurare i lavoratori che svolgono attività a rischio e a favorire il reinserimento nella vita lavorativa e sociale degli infortunati sul lavoro, ha arricchito con la prevenzione la propria mission aziendale.

Ha messo quindi in atto politiche di innovazione e potenziamento realizzando le condizioni necessarie per svolgere al meglio i compiti in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Strumento di fondamentale importanza, per la prevenzione diviene quindi la promozione di tutte le iniziative utili alla diffusione e al consolidamento della cultura della sicurezza attraverso forme di diverso genere che spaziano dall’informazione, alla formazione e all’assistenza ai lavoratori e alle imprese.

INAIL ha scelto di avvalersi dell’arte della pittura, arte che permette di riflettere a livello personale e intimo sui messaggi che l’ immagine invia non solo alla vista ma al cuore, per promuovere una riflessione sul concetto di sicurezza sul luogo di lavoro.

A tale fine ha scelto Accademia di Belle Arti di Urbino come partner nell’ideazione e organizzazione di un concorso pittorico.

http://www.premiopitturainail.it

Bando di concorso .pdf (scadenza prorogata al 31 agosto 2011).

Temporary Events at Decoration Class

mercoledì, 29 giugno 2011

TEMPORARY EVENTS at DECORATION CLASS

Decoration School _ Academy of Fine Arts of Urbino

SGUARDI SCONTATI

by Jessica Pelucchini

Texts by Laura Rabottini

Decoration class _ Academy of Fine Arts of Urbino _ 29 June 2011 _ 3.00 p.m.

La ricerca estetica di Jessica Pelucchini coinvolge la collaborazione di donne ritratte nella loro essenza più spirituale, anime restituite alla percezione visiva del mondo attraverso veicoli di esposizione simbolicamente commerciali. Una paratassi di vestiti copre le pareti dello spazio dove involucri di singoli corpi sono appesi per esibire i resti di vite femminili vissute sulla via della mercificazione sociale, dove ogni donna conosce la propria superficie di esibizione esteriore e la consegna al mondo con la speranza di nascondere e conservare l’interiorità dello spirito. Ognuno di questi abiti appartiene ad un’anima femminile che però non riesce a sfuggire alle regole del mercato dei corpi e si associa alle proprie vestigia mostrandosi attraverso lo sguardo di una banale etichetta. Il mondo interiore delle donne cui appartengono i vestiti è racchiuso in quegli occhi rassegnati, ai quali viene associato il codice a barre, simbolo ultimo della possibilità infinita di mercificazione dell’essere.

La duplice natura della donna, edificata fra strutture di superficie gettate in pasto al mondo delle merci e la purezza di un anima che cerca rifugio altrove per non tramutarsi in puro spettacolo, si rimescola con amarezza nel lavoro di Jessica, mentre la sua ricerca fa appello al nostro intelletto e avverte del pericolo di alienazione e livellamento spirituale dal quale siamo costantemente tentati.

The aesthetic research of Jessica Pelucchini relies on the collaboration of women, who are portrayed in their more spiritual essence, souls reinstated to the visual perception of the world through means of self exposure symbolically commercial. A bulkhead of cloths covers the walls of the space, where the wrappings of individual bodies are hung in order to exhibit the remains of lives on the way to social merchandizing and where each woman knows her capacity of aesthetic appearance and self exposure. Through this process the artist hopes to give the world hope to preserve woman’s spiritual interiority. Each of these cloths belongs to a female soul, but at the same time it can’t escape from the rules given by the market of body. The cloth represents the body very often expressed through an ordinary label. The inner universe of women, to whom the clothes belong, hides resignation of bar code as the ultimate symbol of the infinite possibilities of human commercialization.

The dualism within woman’s nature superficially constructed between consumerism and purity of a soul looking for a refuge, in order to avoid to turn into the simple spectacle, bitterly melts within Jessica’s work, while her research appeals our intellect and warns about the seduction of alienation and spiritual leveling.

Laura Rabottini

Calendario Esami e Tesi Sessione Estiva 2010/2011

mercoledì, 15 giugno 2011

Pubblicati e scaricabili online i calendari esami e tesi sessione estiva aa 2010/2011.

N.B. VARIAZIONI
L’esame di STORIA DELL’ARTE (bienni specialistici) della prof. Micaletti è stato spostato dal 29 al 30 giugno.
TEORIA E METODO DEI MASS MEDIA spostato dal 20 giugno al 27 giugno ore 09.30.

Documenti:
Calendario Esami Sessione Estiva 10-11.

Calendario Tesi Sessione Estiva 10-11.

Temporary Events at Decoration Class

lunedì, 13 giugno 2011

Visualizza l’invito: apri

Il ballo delle ingrate
presentazione di un’ idea

mercoledì, 8 giugno 2011

La scuola di scenografia è lieta di presentarvi un progetto per una particolare opera di Claudio Monteverdi. Questi appunti per uno spettacolo e tutte le riflessioni su questo ballo metafisico e inquietante sono tesi alla ricerca di un senso che fornisca delle idee materiali per proporre una rappresentazione possibile.

Musiche di Claudio Monteverdi su un poema di Ottavio Rinuccini
Aula Teatro via Timoteo Viti 1
Venerdì 10 giugno ore 15
Martedì 14 giugno ore 15

Si prega scaricare l’invito: download.

Un infuso per guarire
TEMPORARY EVENTS at DECORATION CLASS

sabato, 4 giugno 2011

Scarica il comunicato (press release).

accademia di belle arti di urbino

Privacy Policy